Ultima modifica: 22 dicembre 2016

Piano di sicurezza

piano di sicurezza

Nel corso dell’anno scolastico, durante le ore di lezione e anche delle attività pomeridiane, potrebbero verificarsi:
ball incendi nell’Istituto;
ball incendi fuori dall’Istituto;
ball terremoto;
ball Altre cause naturali, crolli e cedimenti strutturali o dovuti a cause non prevedibili;
ball richiesta di sgombero;
ball qualunque altra causa improvvisa che richieda l’immediata uscita di alunni, docenti e non docenti;
In tali casi, al segnale di sgombero, è necessario attenersi alle seguenti istruzioni e comportamenti.

LE VIE D’USCITA In caso d’evacuazione utilizzeranno l’uscita principale le classi:
ball I A, II A, III A;
ball IV B, V B, I B, II B, III B;
ball IV C, V C, I C, II C;
ball I D;
ball V E, II E, III E;
ball IV F, I F;
ball IV G, III G;
ball IV H.

In caso d’evacuazione utilizzeranno l’uscita di Via Carlo Alberto Alemagna le classi:

ball IV A, V A;
ball III C;
ball IV D, V D, II D, III D;
ball IV E, I E;
ball V F, II F, III F.
Gli alunni debbono lasciare liberi gli spazi da banco a banco al fine di non intralciare l’uscita ordinata. Ulteriori comunicazioni saranno di volta in volta fatte avere dal Dirigente Scolastico.


DOCENTI
Ciascun docente dovrà:
ball informare adeguatamente gli allievi sulla necessità di una disciplinata osservanza delle procedure indicate nel piano;
ball illustrare periodicamente il piano di evacuazione ed eventualmente tenere lezioni sull’argomento;
ball intervenire prontamente se dovessero verificarsi situazioni critiche dovute a condizioni di panico;
ball controllare che gli allievi apri fila e chiudi fila eseguano adeguatamente i compiti


ALUNNI
ball Interrompere immediatamente ogni attività; in caso di terremoto rifugiarsi sotto i banchi e non precipitarsi nei corridoi e per le scale;
ball mantenere l’ordine e l’unità della classe;
ball tralasciare il recupero di oggetti personali, disporsi in fila evitando grida e richiami, cercando di seguire i compagni designati apri-fila;
ball camminare in modo sollecito , non correre, non fermarsi, non spingere i compagni;
ball collaborare col docente interessato per controllare le assenze dopo lo sfollamento;
ball seguire strettamente le indicazioni del docente in caso d’improvvisa modificazione delle indicazioni del piano.


PERSONALE ATA
ball gli assistenti amministrativi cureranno di controllare che siamo spente le apparecchiature in dotazione;
ball i collaboratori scolastici avranno cura di disattivare gli impianti elettrici ed idrici e di controllare che siano sfollati tutti gli alunni in tutti i piani;
ball avere cura che tutte le porte nono dotate di maniglioni anti panico siano e restino sempre aperte.


IL PRESIDE INVITA
Tutti gli alunni ad attenrsi scrupolosamente a quanto sotto indicato, al fine di evitare responsabilità in proprio per atti o fatti che possono nuocere alla “salute” altrui, messi in atto volontariamente o meno e dal mancato rispetto delle norme più semplici di comportamento. Tutti gli studenti debbono:
ball evitare che gli zaini possano ostruire, ove ci sono, gli spazi tra i banchi, spazi che debbono servire da passaggio;
ball evitare nella maniera più assoluta, di entrare in contatto con tutto ciò che riguarda impianti elettrici;
ball evitare di precipitarsi per le scale al termine delle lezioni, e/o accalcarsi dietro le porte;
ball recarsi in palestra sotto la guida dei docenti senza correre tutti insieme;
ball non recarsi nei la laboratori, non toccare sostanze o materiali se non espressamente richiesto dai docenti interessati e uscire dalla classe autorizzati dai docenti, specie durante i cambi degli stessi.

Tutti sono pregati di comunicare in Presidenza eventuali carenze strutturali e/o di suppellettili presenti che si verificano durante l’anno.
Infine, ricordo che ognuno è responsabile d’atti di vandalismo, di rotture o d’altre mancanze che possano arrecare il sia pur minimo danno agli altri.


ISTRUZIONI DI SICUREZZA
Quelle che seguono sono delle istruzioni di sicurezza che possono ritenersi valide per ogni circostanza: Alla diramazione dell’allarme:
ball mantieni la calma;
ball interrompi immediatamente ogni attività;
ball lascia tutto l’equipaggiamento (non preoccuparti di libri, abiti o altro);
ball incolonnati dietro;
ball ricordati di non spingere;
ball segui le vie di fuga indicate;
ball raggiungi la zona di raccolta consigliata.


NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI TERREMOTO
Se ti trovi in un luogo chiuso:
ball mantieni la calma;
ball non precipitarti fuori;
ball resta in classe e riparati sotto il banco, sotto l’architrave della porta o vicino ai muri portanti;
ball allontanati dalle finestre, porte con vetri, armadi perché cadendo potrebbero ferirti;
ball se sei nei corridoi o nel vano delle scale rientra nella tua classe o in quella più vicina;
ball dopo il terremoto, all’ordine d’evacuazione, abbandona l’edificio senza usare l’ascensore e ricongiungiti con gli altri compagni di classe nella zona di raccolta assegnata.
Se sei all’aperto:
ball allontanati dall’edificio, dagli alberi, dai lampioni, e dalle linee elettriche perchè potrebbero cadere e ferirti;
ball cerca u posto dove non hai nulla sopra di te; se non lo trovi cerca riparo sotto qualcosa di sicuro come una panchina;
ball non avvicinarti ad animali spaventati.


NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO D’INCENDIO
Mantieni la calma:
ball se l’incendio si è sviluppato in classe esci subito chiudendo la porta;
ball se l’incendio è fuori dalla tua classe ed il fumo rende impraticabili le scale e i corridoi chiudi bene la porta e cerca di sigillare le fessure con panni possibilmente bagnati;
ball apri la finestra e, senza esporti troppo, chiedi soccorso;
ball se il fumo non ti fa respirare filtra l’aria attraverso un fazzoletto, meglio se bagnato, e sdraiati sul pavimento (se il fumo tende a salire verso l’alto).

Scarica i documenti PDF
ballProspetto incarichi alla gestione dell’emergenza a.s. 2016/2017
ball Simulazione di esodo. Circolare del 17/11/2016
ball Consegna aggiornamento documento valutazione dei rischi a.s. 2013/2014.
ball Verbale di riunione periodica
ball Verbale di valutazione del rischio

Link vai su